.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Super partes
post pubblicato in Diario, il 21 ottobre 2009


                                                

Oggi in un'intervista a Libero Roberto Castelli, ex ministro della Giustizia e ora viceministro alle Infrastrutture, sostiene che "finchè le toghe sono processate da altre toghe le cose non cambieranno mai", e dunque ci vorrebbe una sorta di "corte super partes", costituita da "insigni giuristi che possono essere nominati da giudici, Parlamento e Corte Costituzionale, che rimangono in carica per molti anni, così da essere liberi da condizionamenti e poter decidere in totale oggettività". Una corte che affronti le vertenze mosse dai cittadini nei confronti di magistrati, e che magari ne giudichi anche l'operato e la disciplina (funzioni svolte attualmente dal Consiglio Superiore della Magistratura, nominato per due terzi dai magistrati stessi e per il resto dal Parlamento).

Ebbene, qualcuno rammenti a Castelli che una "corte super partes" c'è già: si chiama Corte Costituzionale. Nominata, per l'appunto, per un terzo dalle supreme magistrature ordinarie e amministrative, per un terzo dal Parlamento e per un terzo dal Presidente della Repubblica. Peccato che venga continuamente accusata di essere faziosa e "di sinistra" da Berlusconi, dal presunto centrodestra e da Castelli stesso. Quindi, una soluzione simile non risolverebbe il problema che esiste solo perchè esistono queste persone con la loro mania da persecuzione giudiziaria, e che sarebbero capaci di accusare di parzialità il Padreterno pur di non ammettere di essere nel torto.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Ipse dixit
post pubblicato in Diario, il 1 luglio 2009


                                             

Berlusconi, 20 Maggio 2009, in un'anticipazione del nuovo libro di Vespa, a proposito del giudice del processo Mills, Nicoletta Gandus: "Curioso sostenere, come fece la corte d'appello, che la Gandus, pur essendo un mio dichiarato e palese nemico politico, nel momento in cui arrivasse a scrivere una sentenza nei miei confronti saprebbe non venir meno al vincolo d'imparzialità impostole dalla Costituzione. Ma un giudice non deve essere soltanto imparziale. Deve anche apparire tale".

Luigi Mazzella, 1 Luglio 2009, uno dei due giudici della Corte Costituzionale andati a cena con Berlusconi, dopo le polemiche dell'opposizione (Mazzella, con gli altri giudici della Corte, ad Ottobre giudicherà la costituzionalità del Lodo Alfano), replica con una lettera a Berlusconi: "(...) Caro Silvio, a parte il fatto che non era quella la prima volta che venivi a casa mia e che non sarà certo l'ultima fino al momento in cui un nuovo totalitarismo malauguratamente dovesse privarci delle nostre libertà personali (...) l'amore per la libertà e la fiducia nella intelligenza e nella grande civiltà degli italiani che entrambi nutriamo ci consente di guardare alla barbarie di cui siamo fatti oggetto in questi giorni con sereno distacco. L'Italia continuerà ad essere, ne sono sicuro, il Paese civile in cui una persona perbene potrà invitare alla sua tavola un amico stimato. Con questa fiducia, un caro saluto".

Immagino che ora Berlusconi coerentemente ricuserà anche Mazzella, vero?

P.S. E pensare che la Gandus ha firmato dei banali appelli contro delle leggi di Governo, una contrarietà che poteva benissimamente espressa da giudici di sinistra come da giudici di destra. La Gandus non si è certo mai dichiarata nemica o amica di Berlusconi (magari lo può anche essere, ma ciò non si è mai palesato), Mazzella invece sì ...

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

Sfoglia settembre        novembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca