.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Ambulanza di quartiere
post pubblicato in Diario, il 20 luglio 2009


                                           

Quasi sempre scrivo su questo blog di fatti e misfatti in maniera ben documentata. Quasi, perchè a volte invece utilizzo il blog "solo" per condividere delle "pensate" che mi vengono in mente, cercando di verificare tramite i vostri commenti se sono in effetti delle buone idee, o delle gran boiate come in effetti temo possano essere.

E' successo che oggi ho incrociato un ambulanza mentre guidavo. Riflettendo sul come a volte la vita possa dipendere dalla velocità di un ambulanza, ho pensato: ma se le ambulanze, invece di stazionare in Ospedale, stazionassero in "punti strategici" delle città? Insomma, giusto per fare un paragone: le volanti della polizia, almeno in teoria, girano per le strade e poi, alla chiamata radio della "Centrale", le volanti più vicine si recano al posto del misfatto (almeno così ci fanno vedere nei telefilm...). Ora, non pretendo che le Ambulanze girino in lungo e in largo, ma farle stazionare in diversi punti di una città anzichè in Ospedale constentirebbe, a parità di costi, una maggiore prontezza d'intervento. E in questi casi anche pochi secondi possono fare la differenza fra la vita e la morte.

Che ne dite?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Tragedia annunciata
post pubblicato in Diario, il 29 aprile 2009


                                               

La Regione che insabbia. Il giornalismo, che fa il suo mestiere (cosa rara di questi tempi), che ritrova. E così si scopre che nel 2006 uno studio commissionato dalla Regione Abruzzo evidenziò già all'epoca che 137 edifici de L'Aquila erano a rischio crollo, tra cui i simboli di questa tragedia, la Casa dello Studente e l'Ospedale.

Oddio, c'è da dire che altri palazzi simbolo, come il Palazzo del Governo e la Prefettura, erano stati giudicati "a posto". Ma comunque 137 edifici no: e molti di questi sono crollati o hanno subito danni gravi. Ma non s'è fatto nulla: anzi, si è preferito insabbiare, evidentemente per rifuggire dalle responsabilità.

Questo è solo una parte del marciume politico ed imprenditoriale che ha comportato l'immane tragedia. Tante sono le responsabilità. Ma da qualche parte bisognerà pur cominciare: e da chi, se non da chi in teoria, di qualunque colore politico, dovrebbe tutelare la "cosa pubblica"?

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Impre-giro
post pubblicato in Diario, il 9 aprile 2009


                                              

In questi giorni si sente spesso ripetere da tutti, e anche da esponenti del centrodestra e del Governo, che chi ha costruito con la "ricotta" gli edifici che non dovevano crollare in Abruzzo, a cominciare dall'Ospedale, dalla Prefettura e dalla Casa delle Studente (strutture pubbliche, ricordiamolo, e che in teoria dovrebbero rimanere in piedi in queste calamità, come fulcro delle operazioni di emergenza, e invece sono state le prime a crollare o comunque a rovinarsi irreparabilmente), dovrà pagare

Qualcuno dovrà allora dire a chi di dovere che la ditta che si è occupata dell'Ospedale dell'Aquila è l'Impregilo. Tra l'altro moltiplicandone per nove i costi. Sì, proprio l'impresa di costruttori che allora apparteneva alla galassa Fiat e si chiamava Cogefar, e che piano piano si è costruita un impero, fino a diventare aggiudicatrice pressochè unica di tutte le "Grandi Opere" di questo Paese. Peccato che nel frattempo l'Impregilo abbia anche creato disastri, avendo grandi responsabilità nell'emergenza rifiuti in Campania (era diventata, tramite una sua controllata, la Fibe, gestore unico dell'intero ciclo dei rifiuti in Campania, comprese le discariche, Cdr e termovalorizzatori, e per contratto avrebbe dovuto smaltire tutti i rifiuti, cosa che evidentemente non ha fatto; inoltre, è anche costruttrice del termovalorizzatore di Acerra, da costruire entro il 2003 e terminato solo nel 2009; di fatti, vari vertici dell'Impregilo sono indagati nell'inchiesta sui rifiuti). Ma l'Impregilo è anche l'impresa che si è aggiudicata i lavori della Salerno-Reggio, e ne sta ritardando i lavori di altri tre anni (concessione appena richiesta), per il momento. E questi sono solo i due esempi più clamorosi dello "stile" di lavoro dell'Impregilo.

Stile che verrà a breve applicato anche al Ponte sullo Stretto, di cui ha vinto l'appalto, e alle centrali nucleari che eventualmente verranno, dato che l'Impregilo con il benestare di Berlusconi sembra essere l'unica a potersele accaparrare (almeno per la parte italiana). A meno che al Governo Berlusconi non venga un sussulto di dignità e imposti regole più rigide per partecipare agli appalti, e regole migliori per gli appalti stessi, che impediscano il formarsi di monopoli e di gare i cui vincitori sono già conosciuti.

Ma i visti i legami a doppio, triplo, plurimo filo fra l'Impregilo e Berlusconi stesso (che tra l'altro ha anche accusato i magistrati che indagavano Impregilo sulla Bologna-Firenze - "la magistratura è una metastasi" - e sull'affaire-rifiuti - "uomini di Impregilo sono stati veri eroi che qualcuno ha cercato di ostacolare") dubito si faccia qualcosa. La legalità non porta abbastanza voti, in questo Paese. O comunque mai quanto gli interessi dei gruppi di potere.

www.discutendo.ilcannocchiale.it 

Fatebenefratelli?
post pubblicato in Diario, il 1 aprile 2009


                                                     

La cautela è d'obbligo. Però la faccenda che è emersa ieri sulle pagine di Repubblica dell'ivoriana clandestina denunciata dopo il parto all'ospedale "Fatebenefratelli" di Napoli fa rabbrividire.

Non so se l'episodio sia una diretta conseguenza della legge sui "medici-spia" che il Governo sta portando avanti. Ma comunque pensare che in un Ospedale italiano si possa denunciare una partoriente perchè clandestina, richiamandosi ad interpretazioni della legge che dire forzate è dir poco, e contemporaneamente pensare che in Italia tantissimi neonati fanno una brutta fine perchè le loro madri clandestine hanno paura di recarsi in Ospedale, fa subito rendere conto dell'irrazionalità, oltre che dell'intollerabilità di questo clima di intolleranza ed insofferenza verso "l'altro". Oltre alla civiltà e ai diritti umani più elementari, sono a rischio anche salute e diritto alla vita: e fa pensare amaro che i tanti "paladini della vita" che strumentalmente hanno sfruttato il caso Eluana siano tra i fautori di questo clima di intolleranza che porterà morte a tanti immigrati e loro neonati.

www.discutendo.ilcannocchiale.it

Sfoglia giugno        agosto
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca