.
Annunci online

il blog di Francesco Zanfardino
Bel modo di combattere la violenza sulle donne...
post pubblicato in Diario, il 25 novembre 2007


 
                 (Infophoto)

Ieri a Roma si è svolta una manifestazione contro la violenza sulle donne
, una piaga sociale e culturale che rappresenta la prima causa di morte femminile. Una piaga diffusa soprattutto nelle mura domestiche e nella mentalità ignorante di certe persone. Tuttavia, chi ha manifestato ieri non ha dimostrato grandi doti intellettuali.

Infatti, se la giornata era iniziata decentemente, con giuste riflessioni, condivisibil o no, sulle soluzioni del problema della violenza sessuale, da risolvere secondo le manifestanti con una "rivoluzione culturale" e non con un "pacchetto sicurezza": giustamente, come ha una delle partecipanti, "se la violenza è sotto al tetto cosa faccio con questo pacchetto"? (anche se non si capisce perchè impedire un pacchetto che cerca di risolvere anche la violenza fuori dalle mura domestiche). Ok, avanti con la rivoluzione culturale. Evidentemente, però, questa visione non era accettata da molte manifestati, visto che le politiche invitate a partecipare al corteo, come Giulia Bongiorno, Alessandra Mussolini, Mara Carfagna, la Prestigiacomo e le ministre Livia Turco, Giovanna Melandri e Barbara Pollastrini sono state cacciate le prime al grido di "via le fasciste dal corteo" e le seconde al grido di "vergogna, vendute". E non solo: anche i cronisti uomini, venuti lì per svolgere il loro lavoro, sono stati cacciati.

Davvero incredibile, da parte di chi parla di "rivoluzione culturale" contro la violenza sulle donne, cacciare altre donne, e chi vuol col proprio lavoro vuole dare spazio ai loro problemi.
Sfoglia ottobre        dicembre
calendario
rubriche
links
tag cloud
ultimi commenti
cerca